Zarathustra

Risposte al Forum Create

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 17 totali)
  • Autore
    Articoli
  • ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    @worldtraveller76 wrote:

    gia’ segnalato, mi hanno detto che e’ normale. ed e’ per questo che la garnzia non copre I Danni da ruggine.
    poco importa, ho gia comprato nuove barre e…visto che mi trovavo, anche le griglie!
    comunque nonostante I piccolo pezzi di ruggine, continuano ad assolvere perfettamente al loro scopo.
    solo mi continuo a chiedere perche’ si sia formata un po di ruggine, a me non sembra normale

    Il calore, specie se diretto, provoca questi inconvenienti in quanto il coefficiente di dilatazione termica fra l’acciaio delle barre e lo smalto della ricopertura è leggermente diverso (non credo sia possibile farlo identico) e questo alla lunga porta a delle microfratture superficiali che aprono la via alla ruggine. Questo spiega perchè le barre non sono coperte da garanzia … è normale che arruginiscano.
    Consiglio (magari per le prossime barre) da nuove ungile bene di grasso (la sugna è l’ideale) e fallo bruciare al massimo calore. Pulisci bene e ripeti l’operazione 3 o quattro volte. Se ben fatta tende a creare quella patina di “ferro cotto” che avevano i ferri dei vecchi camini, che non arrugginivano più.
    Non so dirti con sicurezza se sullo smalto funzionerà, ma direi che tentar non nuoce.
    Buona fortuna.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    @worldtraveller76 wrote:

    e allora?
    come procede la costruzione?
    considerando la data dell’ultimo messaggio, spero che tutto sia andato bene, se puoi posta qualche foto altrimenti ti vengo a trovare a Martina!!

    Non ho più postato sul forum perchè ormai tutti si sono spostati su facebook … e lì ci sono le foto più recenti del “mostro”, che ormai è in dirittura d’arrivo (il problema nel ipendere dagli amici che ti aiutano a tempo perso è che spesso non hanno tempo da perdere %) ).
    A settembre spero la sospirata inaugurazione (ohibò, un anno per il parto, manco fosse un elefante!) e se passi a Martina fatti vivo, sarai sicuramente il benvenuto.

    Mi trovi su Facebook, account Sergio Poeta.
    Ciao

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Accessori indubbiamente splendidi. )(/
    / A qualche mese dalla loro creazione sarebbe interessante un reportage sul loro utilizzo: /vic pregi, risultati ottenuti, £| cose perfette sin da subito, (_[[ cose migliorate da allora, cose ancora migliorabili e – per chi come me fosse seriamente interessato a uno o più – se si vendono (.) e a quanto 😈 .

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Ottima idea, se non costa una cifra assurda sarei interessato.
    In altra zona del forum ho postato il progetto per la costruzione di un BBQ ESAGERATO e – visto che non c’è limite all’eccesso – anche un controllo automatico della temperatura non ci starebbe male.
    Con il mio socio di mangiate stiamo cercando di passare dall’idea alla realizzazione e abbiamo accarezzato anche l’ipotesi dell’alimentazione a pellets e a questo punto il paragone sorge spontaneo: tutte le stufe e/o i termocamini e/o le caldaie a pellets hanno un termostato che provvede ad accensioni e spegnimenti alternati all’atto del superamento dei margini di tolleranza rispetto alla temperatura target impostata. Accensioni e spegnimenti avvengono attraverso l’ on/off di alimentazione elettrica sia al motore della coclea che gestisce il combustibile sia al motore della ventola che gestisce il comburente.
    In pratica – remote control o Web control a parte – fanno esattamente quello che dovrebbe fare l’Heat Meter (e in più possono anche provvedere all’alimentazione del fuoco).
    Il Kit con sonda, termostato e inverter per la ventola mi sembra di averlo visto su internet qualche mese fa ad una settantina di euro.
    Forse ti conviene esplorare anche in quella direzione, attrezzando il BBQ con un kit per termocamini a pellets.
    Se non gradisci l’idea del pellet e vuoi usare solo carbone puro puoi sempre lasciare vuota la tramoggia di alimentazione o settare a zero i giri del motore della coclea, ma comunque avresti una opportunità in più.

    Questa almeno è la strada che percorrerò quando la titanica opera di costruzione del “mostro” avrà temine e inizieremo a provarlo ed a cercare di migliorarlo, ma se intanto qualcuno va avanti e sperimenta è tutto tempo e fatica risparmiati!

    Vai avanti, prova e posta … siamo tutti con te!

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Caro Gianni,
    Ci avevo pensato (vedi punto 2) ma a parte l’estetica che penso ne risentirebbe parecchio avrei due inconvenienti: il primo è che le due camere diventerebbero alternative e non utilizzabili contemporaneamente ed il secondo è che dovrei rinunciare alla possibilità della cottura diretta sopra la side fire box.
    Concordo con JK74 e se decido di rinunciare all’uso contemporaneo delle due cooking/smoking chambers allora mi conviene creare un condotto di reverse flow con una saracinesca a fine corsa che mi fa deviare fumo e calore a scelta nella camera orizzontale o in quella verticale, mantenendo così quanto meno la “grilling facility”.
    Un’altra interessante possilità – tutta da sperimentare – è quella di creare un condotto che partendo dalla side fire box attraversi la cooking chamber e vada a sfogare nella camera verticale.
    Quest’ultima a questo punto dovrebbe essere chiusa alla sommità ma posta in comunicazione con il cilindro orizzontale anche con una seconda e più piccola apertura posta più in alto.
    Collocando due ciminiere chiudibili (una al vertice della camera verticale ed una a destra della camera orizzontale) e aprendo o l’una o l’altra si potrebbe (forse) invertire la direzione del flusso di fumo … oddio, mi gira la testa!

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Oggi, dopo aver tolto la guaina al tubo c’è in programma – salvo imprevisti – di portarlo al taglio (posterò le foto). Nel frattempo – grazie anche ai suggerimenti degli amici sul BBQ4All Chapter Puglia su Facebook ed in particolare Sergio Candido e Mimmo Buenero che ringrazio sentitamente – sono cominciati ad arrivare i primi suggerimenti tecnici *- :
    1) Ruote con pneumatici (le ruote in ferro sono belle .. ma poco pratiche);
    2) almeno un tubo di scarico con rubinetto alla base della cooking chamber (e – aggiungo
    io – uno anche all base della smoking chamber verticale) con conseguente inclinazione di
    tutto il mostro da dx (alto) a sx (basso) di 2,5/3 cm;
    3) assolutamente REVERSE FLOW.

    E qui sorge un problema: nei reverse flow l’uscita del fumo dalla ciminera è dalla stessa parte della fire sidebox (nel ns caso a destra) ma con questo modello non si può, perchè fumo e calore debbono andare nella camera verticalle prima di uscire.
    Penso esistano queste alternative:
    1) fare un normale reverse flow rinunciando alla camera verticale (NON CI PENSO NEMMENO!) [:non
    2) collocare la side firebox sotto la camera verticale (BRUTTO, anzi BRUTTISSIMO) [:non
    3) farlo direct flow (è conforme all’originale, ma ho paura che sarebbe un peccato) /
    4) inventarsi un double reverse flow (ecco, questo mi stuzzica di più). [-]

    Avete esperienza, idee, progetti, suggerimenti, consigli …. insomma qualcosa! sul double reverse flow?
    Mi piacerebbe studiare una canalizzazione a “S” per i fumi in ingresso nella cooking chamber.
    In attesa di postare qualche foto sullo stato di avanzamento dei lavori attendo con impazienza i vostri suggerimenti sulla canalizzazione double reverse.
    Grazie anticipate per l’aiuto.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Termometro sullo snodo: da dove entrano il calore e il fumo nella camera per l’indiretta a dove escono ci sono oltre 90 centimetri e anche con una bella lamiera da sei o più millimetri è lecito aspettarsi una caduta di temperatura …. di quanto? Non ne ho la minima idea ….. se si tratta di uno o due gradi nulla quaestio, ma se sono 15 o 20? Messo sullo snodo potrebbe sostituire quello in basso della camera verticale e fare il doppio servizio …. o forse no?
    Essere o non essere, questo è il dilemma! /()
    Scherzi a parte potrebbe essere un buon punto anche per mettere un termometro fisso con una sonda da infilare nella ciccia per l’indiretta o a livello griglia …
    Insomma tante idee e tanta confusione .. AIUTOOOOOOOOOOOOO!

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    @marcoasador wrote:

    un piccolo appunto… giusto per non farti solo lodi.

    Perché macinare fettina ed aggiungere un sacco di strutto di maiale?
    Non era più economico (e corretto)farsi macinare della buona spalla o comunque qualche pezzo un po più misto, in quanto il gusto caratteristico dell’ hamburger deriva proprio da il fatto che sia di manzo, e non troppo magro, così resta soffice anche se va ben cotto. (in 5 minuti non resta un po’ al sangue e con il formaggio non bello squagliato?)

    Altrimenti fai macinato misto manzo maiale alla balcanica, in quel caso semplicemente rinominerai l’hamburgher “plescaviza” ripiena, per la quale non ti consiglio il panino standard ma fai l’impasto della pizza e cuoci delle “pita” direttamente alla griglia, che farcirai sempre come hai fato tu con pancetta grassa grigliata e cipolla… ci andrebbe l’ aivar (salsa di peperoni dolci e piccanti) e non la ‘nduia… ma quel che hai andrà bene. (-:/


    Questa risposta è un concentrato di classe. Ammirati complimenti a Marco.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Una domanda, forse ingenua, ma …. : sei sicuro di aver aperto i fori di ventilazione sul coperchio? (quelli che fanno uscire il fumo, tanto per intenderci ….).
    Lo chiedo solo perché una brace che porta la temperatura a 250° e dopo 1/4 d’ora non cuoce più è una sola brace: quella spenta! (-:/

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    @dapo wrote:

    Il casino é trovare pellet per bbq. Anche il costi se lo trovi

    Che io sappia il pellet è segatura pura che – leggermente inumidita – viene fatta passare in una trafila rovente che crea quella specie di “pellicola” caramellata che lo mantiene compatto e a forma di cacchetta di topo; il tutto senza aggiunta di leganti o sostanze chimiche.
    Penso quindi – ma gradirei conferma – che qualunque pellet possa essere valido per produrre calore; in merio all’aroma basterà aggiungere chips o chunks dell’essenza preferita (peraltro come si fa sopra il carbone).
    Certo che se si trovassero – che so – pellets di Hikory ci si risparmierebbe la fatica di aromatizzarlo …. ma a questo punto mi sembrerebbe quasi eccessivo.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    @jk74 wrote:


    Il vero problema è che la zincatura NON tiene, NON dura.
    Io credo che l’ esterno sia meglio provare con vernici da sfufa e poi si ri-vernicia quando serve (oh se si trova uno che te lo smalta, fine problemi eh?)
    Dentro, eh, dentro l’è dura.
    Io farei un tentativo di brunitura in olio, ti serve un cannello a GPL o se hai molto spessore all’ acetilene, lo scaldi fino a fargli cambiare colore tnendolo spennellato d’ olio di semi . Portati un respiratore… tuta da palombaro potrebbe andare! :mrgreen:

    Grazie JK, faremo qualche esperimento. In effetti i vecchi attrezzi da focolare avevano quella bella patina frutto della “cottura” del ferro fin quasi al calor rosso unita alla sana abitudine di tenerlo oliato per evitare la ruggine …. mi sa che mi hai dato un ottimo suggerimento.
    Visto che siamo ancora in fase di progettazione, che ne pensate dell’idea di alimentare il costruendo mostro eventualmente ed opzionalmente anche a pellets? Ovviamente comandando i flussi di combustibile e di comburente con un termostato.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Una corrige (grazie a Tizzone) un tubo da 60 lungo 120 spessore 6 mm non pesa 54 kili, ma circa 108 ….

    Per Cibernemo81
    nuovo costa più o meno così, ma comprato a “rottame” va da 0,40€ a 0,50€ il kilo (-:/

    Ieri contrattato un tubo da 12 metri, a breve lo andiamo a prendere.
    Per trasportarlo lo taglieremo (o in due o in 4 pezzi).
    Saranno le prime foto che posterò (magari in un altro Thread).

    Finchè non abbiamo ancora iniziato a sbagliare sarebbero graditissimi consigli e/o suggerimenti.
    Una cosa che per esempio non so è come deve essere la finiture: zincato o verniciato (magari a polvere epossidica)?
    I vostri Offset come sono?
    La Zincatura che temperatura regge?

    Un grazie anticipato – e un “giro” sul mostro non appena finito – a chi mi aiuta.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Con la fiamma diretta la pietra si spaccherà.
    Ti conviene invece di fare un telaio aperto con i profilati a L costruire una vera e propria “teglia” magari con un bello spessore (6 mm almeno) in modo che la fiamma riscaldi la pietra indirettamente, mediata dalla lamiera.

    Ciao

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Io mi sto apprestando a fare un un BBQ artigianale con l’aiuto di un amico fabbro e stiamo cercando di copiare uno Yoder Durango20 … vale a dire una bestia di questo tipo:

    Verrà realizzato tutto in lamiera di ferro da 6 mm e dovrebbe pesare intorno ai 4 quintali e 1/2 [+]
    Per i cilindri abbiamo pensato di usare dei tubi in ferro appunto da 6 mm.
    Tieni presente che io vivo a Martina Franca, a poca distanza da Taranto dove ci sono le acciaierie e questi tubi si possono comprare abbastanza facilmente.
    Normalmente hanno la lunghezza di 12 metri, ma si possono facilmente trovare spezzoni da 6 metri. In caso te ne puoi anche far tagliare un pezzo su misura, ma non ti conviene … ti costerebbe quasi quanto l’intero spezzone da sei metri.
    Il prezzo varia, ma è abbastanza facile rimanere al disotto di un euro al kilo.
    Tieni presente che il peso specifico del ferro è 7,85 tonnellate per metro cubo ed il peso del tubo lo puoi calcolare con facilità (ad es. un tubo dal diametro di 60 cm e lunghezza di un metro e 20 peserà circa 54 kili …. se non mi sono sbagliato a fare i conti! 😆
    Diciamo che con una cinquantina di euro ti passa la paura e la fatica di ripulirlo.
    Se vuoi quando iniziamo a costruire il nostro Durango-clone ti posto qualche foto.
    Non demordere: costruisci il tuo mostro!
    In bocca al lupo.

    ZarathustraZarathustra
    Partecipante
    Post count: 20

    Iscritto con entusiasmo , sarà splendido condividere questa passione con altri “malati” come me!

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 17 totali)