VINI COLLI DI PARMA DOC 2008-04-29T10:19:00+00:00

Home Page Forum Generale Non solo barbecue VINI COLLI DI PARMA DOC

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Autore
    Articoli
  • kingofbbq
    Partecipante
    Post count: 175
    #59823 |

    Una ricca tradizione

    Nei libri di storia, si ricorda ancora quell’illuminato artefice e innovatore delle ‘cose di campagna’ che fu Antonio Bizzozero. L’idea di qualificare in Provincia di Parma la coltivazione della vite (‘Bacco ama il colle, e sul colle rimanga il suo tempio e il suo culto…’) fu da lui sostenuta ed ebbe subito numerosi seguaci. Si era ai primi del ‘900; fino ad allora nelle campagne sporadici filari di vite (Lambrusco, Barbera, Croatina…), inframmezzati da gelsi, lasciavano il passo alle culture foraggere…era un vino antico, perfettamente ‘contadino’, che serviva a placare la sete e ad insaporire la tavola (‘’zuppa’ compresa). Una più moderna coltura della vite prese corpo soprattutto nei luoghi prediletti dal clima e dalla tessitura geologica: la collina parmense fra la Val d’Enza e la Val Stirone.
    Fra i primi ‘vignaiuoli’ che seguirono le orme del maestro si ricordano le Aziende Cavalli di Torrechiara, Briand e Caumont di Felino, Zileri di Arola…
    L’opera sapiente dei viticoltori ha portato nel tempo a risultati sempre più entusiasmanti, accompagnati da una continua selezione dei vitigni. Nel 1978, riuniti in un Consorzio di Tutela, i viticoltori danno vita ad una ulteriore qualificazione del prodotto, che presto prende la meritata DOC: nascono i vini Colli di Parma. In testa c’è la famosissima Malvasia (dall’omonimo vitigno Malvasia di Candia), poi il Sauvignon (anche con metodo Champenoise) ed infine, il Rosso Colli di Parma (da uve Barbera e Bonarda). Il Consorzio, nei suoi capitolati, prescrive le rese massime per ettaro e tutti i diversi disciplinari di produzione che, a tutela del consumatore, assicurano la più elevata qualità di prodotto.
    La Malvasia Colli di Parma è un vino bianco frizzante che si sposa benissimo con i salumi tipici parmensi e con i primi piatti tradizionali, come gli anolini o i tortelli d’erbette. Il Sauvignon, servito fresco, è un bianco che accompagna elegantemente il Prosciutto di Parma (ottimo anche con i piatti di pesce). Il Rosso Colli di Parma accompagna invece splendidamente gli arrosti, i brasati, il Parmigiano-Reggiano e, soprattutto, i bolliti tipici della cucina parmense.

    ROSSO COLLI DI PARMA:
    vitigni : barbera 75% e bonarda 25%
    resa per ettaro : max 100 q.li di uva
    resa in vino : max 70 %
    colore : rosso rubino
    odore : vinoso, con profumo caratteristico
    sapore : secco, sapido, armonico, di corpo.
    Va servito a temperatura ambiente
    Si accompagna al formaggio Parmigiano-Reggiano, a secondi piatti a base di carni arrosto, brasati, stracotti e carni alla griglia

    COLLI DI PARMA MALVASIA:
    vitigno : malvasia di Candia aromatica
    resa per ettaro : max 110 q.li di uva
    resa in vino : max 65 %
    colore : giallo paglierino più o meno carico
    odore : gradevole, aromatico, caratteristico
    sapore : asciutto, armonico, aromatico, caratteristico
    Va servito alla temperatura di 10° – 12° C
    Si accompagna con antipasti di salumi e con primi piatti come tortelli di erbette, di patate e di zucca e con cibi a base di erbe.

    COLLI DI PARMA SAUVIGNON:
    vitigno : sauvignon bianco
    resa per ettaro : max 75 q.li di uva
    resa in vino : max 65 %
    colore : giallo paglierino
    odore : delicato, raffinato, leggermente aromatico, caratteristico
    sapore : asciutto, di corpo, fresco, armonico, con retrogusto amarognolo
    Va servito alla temperatura di 8° – 10° C
    Ideale come aperitivo, si accompagna ai pesci alla griglia, fritti e arrosto, ma può essere considerato uno dei pochi bianchi da tutto pasto ; dà risultati eccezionali con macedonie e torte di frutta.

    NOTA: anche se l’enoteca regionale dell’emilia romagna cita numerose altre tipologie di vino prodotte nell’area geografica denominata colli di parma, credo che malvasia, colli di parma rosso e sauvignon, rappresentino al meglio il matrimonio perfetto che si è creato tra la nostra gastronomia tipica e la nostra produzione enologica.

    sperando di aver fatto cosa gradita vi saluto tutti
    king….

    Doctormemphis
    Partecipante
    Post count: 1526

    Assolutamente gradita come cosa.

    una lampadina di malvasia fresco…… *-* *-*

    …magari con due fettine di culatello o di salame felino

    kingofbbq
    Partecipante
    Post count: 175

    a quest’ora mi fai dare giù di testa……. *-* *-* *-* *-* *-*

    Massim8Massim8
    Partecipante
    Post count: 1406

    King, Doc, Nikon…ma la ragione Emilia Romagna non vi ha ancora proposto per il cavalierato?

    kingofbbq
    Partecipante
    Post count: 175

    stiamo aspettando l’innaugurazione di tre rotonde sulla via emilia a noi intitolate… /() /() /() /()
    a parte gli scherzi credo che ognuno di noi dovrebbe presentare, magari in una sezione apposita, le specialità e le eccellenze che la propria regione offre.
    fortunatamente viviamo in un paese in cui dietro ad ogni angolo si nasconde una prelibatezza e tanti ancora non lo sanno.

    ciao.

    Doctormemphis
    Partecipante
    Post count: 1526

    Quando mi sarò stancato di lavorare nel ramo finanziario….una bella domandina all’ente tutela gastronomica del territorio non me la leva nessuno…….. /() /() /()

Stai vedendo 6 articoli - dal 1 a 6 (di 6 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.