bibbia del barbecue weber 2012-03-14T08:08:04+00:00

Home Page Forum Generale Non solo barbecue bibbia del barbecue weber

Stai vedendo 8 articoli - dal 16 a 23 (di 23 totali)
  • Autore
    Articoli
  • davidbrdavidbr
    Partecipante
    Post count: 59

    Buon Giorno,
    Non faccio premesse su chi io sia o che esperienze io abbia, sono SOLO un appassionato di BBQ, di quelli veri che legge e rilegge molto e soprattutto sperimenta prima di parlare.
    ho letto il libro in questione (LA BIBBA DEL BARBEQUE della Weber) versione italiana e vi do le mie impressioni che divergono da quelle che ho appena letto.
    Innanzitutto avrei spiegato l’origine, la storia del bbq e il bbq nel mondo ma questa è puramente una considerazione del tutto personale.
    Il libro non si basa su una spiegazione piu’ o meno passo passo degli step da farsi per un Grill, non parla di norme di sicurezza da tenere.
    Quando spiegano le differenze tra carbone di legna e agglomerati NON spiegano che alcuni contengono calcina e sono tossici, al limite del cancerogeno.
    In tutto il libro NON si fa una distinzione tra GRILL e BBQ anzi si da per scontato che sia la stessa cosa, facendo capire che BBQ è l’oggetto della weber sul quale si va a cucinare.
    Il libro è molto articolato e pieno di illustarazioni, abbastanza ben fatto ma per poterlo capire occorre avere già una discreta conoscenza della materia.
    Non si fa menzione delle reazione di maillard che è alla base della comprensione della cucina in genere.
    In tutto il libro non si parla di RUB, lo si da per scontato, non si parla nemmeno si salamoia e penso che questo NON possa essere in nessun modo evitato.
    Le ricette sono molto belle ma a mio avviso non si danno ricette semplici e base ma anche questa è una mia considerazione soggettiva e non oggettiva.
    Ci sono MOLTE imprecisioni e cose non dette, ad esempio il libro parla di affumicatura dicendo che tutti i legni sono buoni ma NON spiega innanzitutto quali sono buoni e quali invece possono essere addirittura mortali,
    ma soprattutto non dice che durante l’affumicatura la valvola d’areazione superiore DEVE rimanere aperta in quanto la permamenza del fumo sul cibo lo fa diventare cancerogeno.
    Le ricette sono belle e varie, almeno quelle sullla cottura diretta, quelle per la cottura indiretta sono MOLTO imprecise, non dicono i tempi di cottura, non dicono i procedimenti ESATTI da compiere
    ad esempio la ricetta del Pulled Pork è MOLTO superficiale.
    NON si parla della tecnica Low and Slow e dell’importanza del termometro, questo probabilmente è dato dal fatto che alcuni bbq da loro venduti, NON hanno un termometro e per questa bibbia sarebbe una contraddizione.
    La cosa che piu’ mi ha lasciato basito è leggere le castronerie sulle temperature della carne, paragonando TUTTE le carni rosse come se tutte fossero uguali, per far comprendere la cottura, il libro da dei tempi che a mio
    avviso sono assurdi in quanto questi variano a seconda di troppi fattori e non si fa menzione delle reali temperature di cottura della carne.
    Molto valide le parti in cui si spiega l’HOW TO, come fare alcune cose in dettaglio.
    Nel libro si parla di tagli di carne ma non li si mostra, forse un immagine sarebbe piu esplicativa, essendo poi una bibbia non si parla dei tagli americani che un appassionato conosce o almeno ne ha sentito parlare.

    Ci sarebbero molte cose da dire, imprecisioni e tanto altro, mi sembra un libro “per far scena e per sponsorizzare un prodotto” ma di certo NON è una bibbia come si vuole far credere.
    Secondo il mio personale punto di vista, è un libro che come voto non supera il 7.

    claudio goreclaudio gore
    Partecipante
    Post count: 815

    si ma qui ci sono pareri discordanti non tanto sul discorso ” piace o non piace” che e’ soggettivo ma proprio su quello che c’e’ o non c’e’ ad esempio le L&S..

    sicuri di parlare dello stesso libro!???

    giachgiach
    Partecipante
    Post count: 211

    ogni tanto lo sfoglio e prendo spunto per alcune ricette, mi sembra un buon libro.

    davidbrdavidbr
    Partecipante
    Post count: 59

    Di sicuro parlo del libro in questione dato che mi piace parlare di cio’ che conosco, prendere ad esempio il libro a pagina 127 la ricetta é chiamata PUNTINE DI PETTO ALLA SAINT-LOUIS.
    Ora leggete la ricetta di cui vi trascrivo una parte : “Spazzolate la griglia di cottura.Fate cuocere le puntine di petto per 2 ore a fuoco basso indiretto 140/160 gradi con il coperchio chiuso.Togliete dalla griglia, spennellate completamente ………per glassarle, avvolgetele in fogli di alluminio e continuate la cottura per 2-3 ore …..”
    Beh se vi sembra che parli bene di questa ricetta, che la temperatura L&S vada bene e che per un neofita sia facile seguirla allora ho sbagliato la mia recensione, oppure chi parla di questa ricetta non sa bene quale sia il VERO procedimento.
    PAGINA 115 ricetta chiamata PANINI CON SFILACCI DI SPALLA DI MAIALE AFFUMICATA.
    la ricetta viene esplicata in 10 minirighe. Anche in questo caso, se una ricetta classica e complessa come il pulled pork puo’ essere spiegata in cosi poco, allora i maestri che in questo forum mi hanno insegnato questa ricetta in circa 10 pagine, non sanno quel che fanno ?
    La recensione é una questione personale, se si vuol dire che il libro é bello e ben scritto lo si puo’ dire ma questa NON é una BIBBIA, chi lo legge DEVE avere delle BUONE basi o non riuscirà in nulla.
    NOn voglio sollevare polveroni per nulla, vi consiglio solo di leggerlo.

    giancaos
    Partecipante
    Post count: 174

    Ho quel libro pur io, in effetti quoto davidbr. Belle le foto, si presenta bene ma chiamarla bibbia e’ esagerato. Ho imparato piu’ in questo forum che con quella “bibbia”….

    MollyKettleMollyKettle
    Partecipante
    Post count: 227

    @giancaos wrote:

    Ho quel libro pur io, in effetti quoto davidbr. Belle le foto, si presenta bene ma chiamarla bibbia e’ esagerato. Ho imparato piu’ in questo forum che con quella “bibbia”….

    Sono sempre più convinta di essere capitata nel posto giusto. +*

    IpomeaIpomea
    Partecipante
    Post count: 26

    Noi l’abbiamo appena preso. Credo sia un buon punto di partenza.
    ci sono ottime ricette e per chi non sa proprio nulla, nemmeno la differenza tra i tagli di carne, è un modo per capire che dietro ogni metodo di cottura c’è un mondo.
    Credo che proverò molte di quelle ricette, ma che cercherò sempre un parere anche qui. Un discorso è la lettura di esperti, un altro è il confronto diretto con altre persone e le loro esperienze.
    Per ogni passione che io abbia avuto nella vita (fotografia prima di tutte)ho imparato che non c’è niente di meglio che abbinare la teoria alla pratica condivisa.

    Stasera per esempio voglio provare la grilled pizza, ma dopo aver letto la ricetta, sono venuta a dare un’occhiata qui e ho trovato la ricetta nella sezione cult. Ho visto che più o meno corrispondevano.

    rinoronie
    Partecipante
    Post count: 9

    Non esiste la versione digitale da poter leggere su ipad?

Stai vedendo 8 articoli - dal 16 a 23 (di 23 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.